15-09-05 Parte da Napoli la ripubblicizzazione dell’acqua
Comune di Viterbo

Parte da Napoli la ripubblicizzazione dell’acqua

Viterbo, 5 settembre 2015

Da Napoli, prima città che ha ripubblicizzato la gestione integrata del servizio idrico, trasformando la SpA in una azienda speciale e rimettendo in tal modo l’acqua nelle mani dei cittadini, parte l’appello rivolto a Parlamento e Governo, a tutte le Regioni e i comuni d’Italia affinché sia rispettato l’esito referendario del 2011.

Dal capoluogo campano parte il grido d’allarme per scongiurare il pericolo che grandi potentati economico finanziari si approprino delle fonti d’acqua; le scelte regionali e nazionali purtroppo vanno in questa direzione e purtroppo noi a Viterbo ne sappiamo qualcosa vero sindaco? Come sappiamo infatti il nostro consiglio comunale, fregandosene bellamente del referendum del 2011 e sulle orme di un governo anche peggiore, ha bocciato il nostro Ordine del giorno che proponeva di ripubblicizzare la gestione del servizio idrico locale.

Come Movimento 5 stelle locale diamo voce a questa iniziativa che parte da Napoli e dal Coordinamento Campano per la Gestione Pubblica dell’Acqua e informiamo che a Napoli il giorno 20 settembre si terrà un incontro tra sindaci per sottoscrivere la Dichiarazione di Napoli per il Diritto all’acqua che ribadisce i principi sanciti dall’ONU sull’accesso all’acqua, la conservazione del prezioso oro blu oltre a chiedere l’applicazione degli esiti del referendum del 2011.

Chiediamo a tutti i cittadini di sollecitare sia a livello comunale che regionale l’adozione di norme ed atti finalizzati a riconoscere l’acqua un bene di non rilevanza economica e a scegliere la via della gestione pubblica diretta da parte dei Comuni, escludendo la SPA tra i modelli di gestione.

MoVimento 5 stelle Viterbo

Leggi la Dichiarazione di Napoli per il Diritto all’acqua

Previous Post Next Post